Conviene acquistare una seconda casa come investimento?


Conviene acquistare una seconda casa come investimento? Seconda casa al mare.

Perché investire nell'acquisto di una seconda casa

Capita a tutti prima o poi di fantasticare sull'acquisto di un rifugio dove fuggire dallo stress della routine o di una abitazione che possa aiutare i propri figli a rendersi autonomi. Ma conviene investire nell'acquisto di un ulteriore immobile
Con il mercato immobiliare attualmente in ristagno e i prezzi delle abitazioni in calo, come mostrano i Dati Istat, investire nell'acquisto di una seconda casa si rivela essere tuttora un ottimo affare. In un momento di generale sfiducia nel sistema finanziario il "mattone" è ancora secondo molti il modo migliore per salvaguardare e mettere a frutto i propri risparmi. Una seconda casa, inoltre, può trasformarsi in una fonte di reddito se la si affitta per lunghi o brevi periodi o anche come casa-vacanze. 


La scelta della seconda casa

Perché sia un reale investimento la seconda casa deve essere scelta in modo oculato, magari affidandosi ad un agente immobiliare che conosca le possibilità e le tendenze del mercato nella zona prescelta. Una località di mare o di montagna o in zone ad alta vocazione turistica come la campagna toscana o piemontese sarà chiaramente ideale, sia per trascorrervi personalmente le ferie e i week end, sia per affittarla come casa-vacanza. In città, una casa nel centro o ben collegata ai servizi principali sarà ugualmente facile da affittare o da adibire a bed and breakfast. Se vicina all'università potrà essere appetibile per gli studenti. I dati dimostrano che la stipula di contratti di locazione è in aumento e che sempre più giovani coppie, studenti e lavoratori scelgono di andare in affitto: una seconda casa da affittare pertanto può considerarsi un investimento lungimirante e in linea con le tendenze del mercato. 
Prima di acquistare un immobile è necessario naturalmente assicurarsi che esso abbia tutti i requisiti necessari guida acquisto casa 2017

Le spese per l'acquisto di una seconda casa

Nel valutare il budget a disposizione, bisogna considerare, oltre al prezzo dell'immobile, alcune spese inevitabili. Ogni acquisto è assoggettato alle imposte di acquisto che sono più alte di quelle per l'acquisto di una prima casa: le imposte di registro sono pari al 9% e poi c'è da pagare 50 € per l'imposta ipotecaria e per quella catastale. Una spesa di uno 0,60% del valore dell'immobile è da considerare orientativamente per i necessari atti notarili.

Mutui e finanziamenti per l'acquisto della seconda casa

Se non si dispone di tutta la somma necessaria per coprire il valore dell'immobile è sempre possibile accendere un mutuo. Anche in questo caso si può attualmente godere di una situazione vantaggiosa, in quanto gli istituti di credito offrono tuttora soluzioni di finanziamento piuttosto convenienti. Da considerare d'altra parte che per la seconda casa non si possono usufruire delle stesse agevolazioni offerte al momento dell'acquisto della prima casa proprio perché un secondo immobile rientra nelle ipotesi di investimento per fini di guadagno. Rispetto al passato però, i maggiori istituti di credito tendono ad offrire oggi finanziamenti con tassi di interesse di poco superiori a quelli dell'acquisto della prima casa. Andrà peraltro valutato che, nel caso in cui si decida di affittare l'abitazione, le rate del mutuo potranno essere ammortizzate con l'affitto percepito.

Le spese annuali: tasse e manutenzione. 

Nel valutare la possibilità effettiva dell'investimento in una seconda casa, bisogna tener presenti quelli che saranno i costi annuali di gestione. In primo luogo c'è l'IMU, che va calcolata a partire dalla rendita catastale. Questa deve essere richiesta agli uffici competenti ma è possibile affidarsi a un servizio professionale per ottenerla comodamente a casa con una richiesta visura catastale online
Il recentissimo decreto mille-proroghe ha inoltre confermato delle detrazioni sulle imposte per le abitazioni, anche seconde case, che rientrino nell'ambito degli immobili "verdi", ossia ad alta prestazione energetica, di classe A o B. 
Una seconda casa può richiedere inoltre spese straordinarie di manutenzione e, se lontana dalla propria abitazione principale, spese per la gestione ordinaria: tutti aspetti che andranno considerati al momento di scegliere l'investimento. 


Cosa ne pensi te? Conviene ancora comprare una seconda casa?

Nessun commento:

Posta un commento

Nei limiti del possibile cercherò di rispondere a tutti coloro che chiederanno informazioni. L'argomento dovrà però riguardare i temi trattati in questo blog. Prima di inviare il messaggio fate delle ricerche sul sito attraverso le etichette o con la casella di ricerca. In molti casi la risposta alle vostre domande è già stata pubblicata